Ormai non passa giorno in cui le telecamere non documentino almeno un fatto di cronaca, o siano lo strumento di soluzione di un caso per le forze dell’ordine. Di pari passo, cresce anche il dilemma per il cittadino, spesso diviso tra la necessità di sentirsi protetto, e quella di difendere la propria sfera privata. La tutela della privacy dei cittadini quando ci sono di mezzo i sistemi di videosorveglianza, ha infatti impegnato non poco il Garante in questi anni, che si è dovuto pronunciare centinaia di volte su una moltitudine di casistiche, tanto da dover emanare periodicamente anche specifici provvedimenti generali, prima nel 2004 e poi nel 2010.

E come se non bastasse la stessa Authority di piazza Montecitorio sta lavorando proprio in questo periodo  per aggiornare le regole affinchè  la normativa in materia rimanga al  passo con la tecnologia.

Cosa ne pensino però i cittadini su queste tematiche che in pochissimi anni sono entrate a far parte della vita quotidiana, e da che parte penda l’ago della fiducia sulla bilancia di “telecamere & privacy”, è però ancora una questione su cui occorre fare maggiore chiarezza.

Per questo, Federprivacy ha indetto sul proprio sito istituzionale il sondaggio aperto al pubblico “Telecamere & Cittadini: quanto è tutelata la tua privacy?”, con il quale l’associazione dei privacy officer si è posta l’obiettivo di elaborare un quadro generale che rappresenti il clima generale che gli italiani respirano a proposito della videosorveglianza in relazione con la tutela della riservatezza.